“Il Piano Convenzionato stabilisce che l’insieme delle isole residenziali, comprese a li ‘interno del l’anello occidentale della « strada-parco » abbia destinazione estensiva con edificazione di case a due piani secondo il rapporto di copertura pari alla decima parte della superficie fondiaria; in virtù del basso indice di edificazione risulta ampia disponibilità di spazio libero per i giardini privati e per quelli condominiali. La tipologia è di tipo misto; impiega unità « duplex » associate in linea, case isolate di quattro
appartamenti angolari « duplex », case isolate con otto appartamenti angolari-· su piani sovrapposti. La composizione spaziale trae spunto dalle tipologie suddette giocando sull’alternanza degli schemi lineari con quelli puntiformi come avviene per le isole dei quadranti orientali ( isole 2/ est – 23, 24); si basa invece unicamente sull’impiego delle case isolate con otto appartamenti per le isole dei quadranti occidentali (isole 2/ovest – 22). Elemento comune ad ogni isola è lo spazio libero centrale, ovunque generosamente realizzato, sul quale si attestano le case in composizioni molteplici creando un quadro ricco di effetti prospettici. Le singole isole sono organizzate in « condominio aperto » ove le abitazioni accedono dalle strade esterne e consentono di fruire degli spazi verdi comuni soltanto agli abitanti del condominio in quanto i giardini privati, in dotazione a tutti gli appartamenti, ne precludono l’accesso agli estranei. Nel verde condominiale sono sistemati campi da tennis, zone di sosta e ricreazione e vi si accede pedonalmente dai giardini privati. Gli appartamenti sono da tre camere utili nelle case isolate composte da otto abitazioni, sono da cinque camere utili nelle case quadrifamiliari « duplex » e nelle unità associate in linea «duplex»; i servizi sono adeguati al taglio e tutti gli appartamenti sono dotati di parcheggio individuale a loro riservato. Nell’isola 23 è ubicata una piscina all’aperto sussidiata da un padiglione per i servizi: questo impianto
sportivo, per la sua posizione baricentrica, è facilmente raggiungibile dai residenti delle isole circostanti ed è a questi esclusivamente riservato. Gli aspetti architettonici di questa iniziativa ricalcano, con nuovi apporti di dettaglio, il discorso in precedenza formulato per le realizzazioni delle zone orientali del quartiere, traendo partito dalle coperture
a tetto, dal movimento plastico · del le verande a giorno e dai colori delle case che vitalizzano alcune componenti del quadro ambientale. Prevalentemente la struttura è in cemento armato
di tipo tradizionale salvo che per le isole 2/ovest e 22 dove è impiegata la costruzione a blocchi di cemento esternamente intonacati e trattati con vernice resino-plastica; le tramezzature interne sono realizzate in pannelli di gesso modulari, gli impianti idrico-sanitari sono razionalizzati.” da Quaderni SO.GE.NE 1973

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *